Appuntamenti | Contatti

 


 

commedia dell'arte, corso teatrale, santibriganti teatro

PROGRAMMA 2018 / 2019

Il giorno di lezione è il lunedì. L’orario è dalle 20.45 alle 23.15.

Le lezioni inizieranno lunedì 29 ottobre 2018;
termineranno con il saggio in giugno 2019.

Direzione didattica Mauro Piombo
Condotto da Marta Ziolla

Cenni storici: le origini, la fioritura, l’epoca d’oro; la decadenza; la riscoperta.
Le maschere: Tipi, funzioni e significati; impostazione gestuale, i codici estetici e interpretativi.
I Tipi Fissi (I ruoli in commedia) - Zanni (i servi), Capitani, Vecchi (il Magnifico e il Graziano), Innamorati. I ruoli comici femminili*
L’Improvvisazione: il linguaggio - esercizi di metodo, mestiere d’attore.
La Comicità: i valori universali, la grammatica - le strutture, gli schemi comici e i lazzi.
Gli Scenari (i canovacci): gli intrecci e le trame narrative; gerarchie, relazioni e contrasti tra i personaggi.
La Commedia antica vs La Commedia contemporanea

* le allieve, secondo le pratiche di una moderna pedagogia, vestiranno anche le maschere maschili oltre che le femminili

Una palestra di lavoro per uno studio di base sulla Commedia dell’Arte, viva tradizione teatrale e modello di pratica e di cultura scenica in tutto il mondo.

E’ richiesta una preparazione/formazione di base

 

Mauro Piombo, Marta Ziolla,

MARTA ZIOLLA

Diplomata al Corso Accademico di Formazione Teatrale presso la Scuola Sergio Tofano di Torino. Con Mauro Piombo ha studiato Mimo Corporeo-Maschera Neutra e Improvvisazione. Con lo stesso si è formata nella Commedia dell’Arte e lavora nello spettacolo ‘Il Dritto e il Rovescio, Tragedia dell’Arte per tre Pulcinelli’. Nel 2016-17 ha frequentato l’AIDAS (Academie International Des Arts du Spectacle) diretta da Carlo Boso, Versailles (Parigi) nella quale ha praticato scherma (Florence Leguy), mimo e pantomima (Elena Serra), danze storiche (Nelly Quette), dinamica del movimento (Lluis Graells) e Commedia dell’Arte con Carlo Boso, partecipando a vari allestimenti tra cui ‘Scaramuccia’ e ‘Le Médecin malgré lui’ in scena al Festival d’Avignone 2017.

MAURO PIOMBO

E' attore, regista, autore, insegnante di discipline teatrali, di Commedia dell’Arte e di teatro comico di tradizione. Pratica la Commedia dell’Arte da quasi trentanni anni. Dal 2003 dirige, con Santibriganti Teatro, un progetto di ricerca, formazione e produzione sulla Commedia dell’Arte. Ha avviato e diretto decine di attrici e attori alla pratica delle maschere della Commedia dell’Arte. Ha lavorato in Italia, Spagna, Francia, Germania, Portogallo, Repubblica Moldava con spettacoli, seminari, conferenze-spettacolo. E’ ideatore, direttore artistico di progetti culturali per il teatro e lo spettacolo dal vivo.

 



In realtà tutti noi, in svariate occasioni, ci troviamo a dover "Stare e Parlare in Pubblico", sia nell'ambito della nostra vita quotidiana sia in quella lavorativa.
Ogni qualvolta abbiamo a che fare con un gruppo di persone, anche minimo, e ci troviamo a dover esprimere o spiegare concetti, tentare di convincere qualcuno della validità delle nostre opinioni o sostenere e caldeggiare un'azione di risposta in chi ci ascolta.stiamo 'parlando e agendo in pubblico'.
Può succedere in una discussione in famiglia, in una riunione di condominio o della propria associazione, in un colloquio di vendita o in una presentazione aziendale.
Che il nostro intervento sia più o meno riuscito ed incisivo, dipenderà da come riusciremo a gestire la nostra comunicazione e da come la organizzeremo, da come useremo la nostra gestualità e muoveremo il nostro corpo nello spazio, dall'inflessione che daremo alla nostra voce..
Non sono azioni che nascono per caso, ma dipendono da tecniche imparate mediante esercizi mirati. Quindi, si può imparare a "Leggere, Parlare ed Agire in Pubblico".
Si può diventare padroni della propria comunicazione e diventare più sicuri di sé, e di conseguenza anche accrescere la propria autostima e la stima che gli altri proveranno nei nostri confronti, migliorando la qualità del nostro modo di comunicare nella vita privata e professionale.

OBIETTIVI DEL CORSO:

  • Acquisire la capacità di gestire con proprietà la propria comunicazione verbale, non-verbale e para-verbale
  • Apprendere le tecniche di gestione dello ‘spazio scenico’ e degli eventuali mezzi tecnici utilizzabili
  • Imparare a leggere e parlare di fronte ad un uditorio;
  • Imparare a gestire la propria ansia e gestire le emozioni nel processo di comunicazione in pubblico.

ALCUNI DEGLI ARGOMENTI TRATTATI:

  • La comunicazione verbale: “come parlo”
  • La comunicazione para-verbale: “come lo dico”
  • La comunicazione non-verbale: “che cosa dice il mio corpo”
  • La dizione e l’utilizzo dello “strumento voce”
  • Gestione dell’emotività
  • Gestione dello “spazio scenico”

OBIETTIVO: del corso è offrire ai partecipanti la possibilità di avvicinarsi al teatro attraverso la guida di professionisti del settore. Compito degli insegnanti è stimolare e liberare l'espressione del patrimonio di sentimenti, emozioni, pensieri e creatività che ognuno custodisce in sé. Il lavoro permetterà di scoprire potenzialità ed attitudini, riconoscere e praticare le proprie passioni, e imparare un metodo di comunicazione che può essere utilizzato anche al di fuori dello spazio scenico.

PROGRAMMA: esercizi di improvvisazione gestuale e verbale, espressione corporea ed uso dello spazio scenico, introduzione alla recitazione.

 

 


TUTTE LE ATTIVITA' DI TEATRANZA 
SONO RISERVATE AGLI ASSOCIATI

 

 

Moncalieri, Via Palestro 9

per informazioni
tel. 011 645.740 - ore 12.30-16.30
info@teatranza.it